Coro Requiem Project

Giappone

Info

Orchestra da Camera di Perugia

Direttore Susumu Ueda – Yasunori Saiki

Organo Yu Sasaki

S. Ueda – Ave Maria

Y. Saiki – Tu es Petrus

S. Ueda – Missa Brevis “Precatio pro pace”

  • Kyrie
  • Gloria
  • Credo
  • Sanctus et Benedictus
  • Agnus Dei

S. Ueda – Stabat Mater

  • Stabat Mater dolorosa
  • Cujus animam gementem
  • Benignitatem matris recordaris?
  • O quam tristis et afflicta
  • Pro peccatis suæ gentis
  • Cum vitam sentio
  • Eja Mater fons amoris
  • Lacrimæ inundantes
  • Quando corpus morietur
  • Precor ut homines beati sint

Il Requiem Project nasce nel 2008 a Kobe, dopo il grande terremoto Hanshin-Awaji, ed articola le proprie attività intorno ai temi del cordoglio, della speranza e dell’amore per la vita. Il Requiem Project riunisce all’interno del proprio coro persone differenti, sopravvissuti e gente proveniente da ogni parte del Giappone.

Ad oggi, partendo da Kobe, i suoi membri hanno raggiunto diversi luoghi colpiti dalla guerra o da calamità naturali, come Tokyo, Sayo-cho nella prefettura di Hyogo, Hiroshima, Nagasaki, Okinawa, Sendai, l’area colpita dal grande terremoto del 2011, Iwate, e attualmente Kesennuma e Minamisoma, oltre ad essersi esibiti in Hokkaido ed a Praga, nella Repubblica Ceca. L’11 Ottobre del 2015 il Requiem Project ha tenuto il suo primo concerto ufficiale presso la Cattedrale di St Stephen’s a Vienna, e vi si sono esibiti oltre 150 membri provenienti da diverse zone colpite da catastrofi, con l’accompagnamento di una orchestra professionista locale in cooperazione con membri volontari della Sendai Philarmonic. Il concerto ha ricevuto una standing ovation di oltre 10 minuti, una risposta entusiasta e straordinaria per un Requiem eseguito in una chiesa. Quest’anno il Requiem Project ha raggiunto l’Italia, e oltre ad animare la Santa Messa nella Basilica di San Pietro, si esibiranno nella Basilica di San Francesco D’Assisi, in passato gravemente danneggiata dal terremoto che ha colpito l’Umbria nel 1997, e nella chiesa di Santa Trinita a Firenze, per pregare per la ricostruzione dopo il disastro e per la pace nel mondo.

Orchestra da Camera di Perugia – La nuova «Orchestra da Camera di Perugia» nasce dalla pluriennale esperienza di giovani musicisti umbri nella diffusione della cultura musicale, soprattutto in relazione alle produzioni musicali rivolte ai giovani delle scuole.

La collaborazione fra strumentisti attivata all’interno del progetto «Musica per crescere» della Fondazione Perugia Musica Classica ha portato alla volontà di creare un complesso di archi e fiati in grado di estendere l’impegno nella diffusione musicale in sede concertistica e di mettere al servizio degli enti di produzione musicale umbri e italiani una nuova formazione che può contare su professionalità consolidate dalla collaborazione con alcune delle migliori orchestre nazionali (Accademia di Santa Cecilia, Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra della Toscana, Camerata Strumentale «città di Prato» , etc.) e da una attività solistica di alto profilo.

Fra i musicisti che danno vita all’Orchestra da camera di Perugia figurano inoltre alcuni dei migliori talenti delle ultime generazioni, vincitori di concorsi nazionali e internazionali e di prestigiose borse di studio, come quelle conferite dal Premio “Leandro Roscini”, destinato appunto a sostenere i giovani musicisti umbri.

L’Orchestra mira ad una ampia elasticità di organico di archi, fiati e percussioni, tale da coprire un repertorio che va dal Settecento alla musica contemporanea, con particolare vocazione per il Novecento.

Un costante controllo della qualità, legato alla selezione degli strumentisti e alla loro disciplina di gruppo è l’obiettivo ambizioso di questa nuova Orchestra, che intende essere punto di riferimento per tutti i giovani professionisti della Regione e per gli    enti di produzione e diffusione musicale.

Susumu Ueda – Nato ad Osaka (Giappone), laureato in composizione presso la Kyoto City University of Arts, è stato premiato dalla Kyoto Association of Music. Nel 1980 Viene selezionato per il programma di studio per giovani talenti dal Dipartimento per la Cultura presso il Ministero dell’Educazione e si reca a studiare a Tokyo. Nel 1982 Inizia a dedicarsi a tempo pieno alla composizione a livello professionale; pubblica numerose composizioni su richiesta di musicisti classici e arriva a mettere in scena due recitals basati su altrettanti lavori propri.

Nel 1998 compone “Winter Flame”, musica ufficiale dei Giochi Olimpici invernali di Nagano. Dal 2005 ad oggi tiene annualmente concerti memoriali nella città di Kobe, dedicati alle vittime del grande terremoto Hanshin. Nel 2008 crea il progetto denominato “Requiem Project”, tutt’ora in attività, in memoria delle vittime di disastri e calamità naturali, e per diffondere un messaggio di pace e speranza. Dal 2011 ha iniziato a tenere numerose attività musicali nell’area colpita dal Grande Terremoto del Tohoku in Giappone. Le attività si stanno espandendo su aree più ampie, come Kobe, Tokyo, Sayo-cho nella prefettura di Hyogo, Okinawa, Hiroshima, Nagasaki, Fukushima, Minami-Soma nella prefettura di Fukushima e Sendai.

Yu Sasaki – Nato a Sendai nel 1983, si laurea presso la Elisabeth University of Music e ottiene un dottorato di ricerca in musica. Si reca a studiare musica all’estero, presso lo Stuttgart College of Music. Arrivato ai quarti di finale all’Albans International Organ Competition, oltre che esibirsi in concerto in tutto il Giappone, svolge anche attività di ricerca.

Ad oggi è docente di ruolo presso la Elisabeth University of Music e docente part time presso la l’università provinciale di Hiroshima.

AssisiPaxMundi2020

In collaborazione con

loghi
© 2015-2019 Assisi Pax Mundi | CREDITS